Username: Password: Auto: | Entra nel forum | Registrati
   Copyright | Privacy
Home page > Biblioteca
Cerca:

i bambini e la loro famiglia   L'apprendista genitore
  Psicologia ed educazione

  Cercando le parole
  Proposte di lettura

  Crescere giocando
  Occasioni di sviluppo ludico

  Stili di vita
  Opportunità ecosostenibili


misurare e calibrare   Mille e una realtà
  Frammenti di mondo

  Famiglie & Società
  Istruzioni per l'uso

  Incontri in officina
  Vite e storie

  Girovagando
  In giro per fare ed imparare



partecipa anche tu

 proponi un articolo,
 una segnalazione, o altro.
 scopri come scrivendo a
 
redazione@officinagenitori.org

 

Condividi versione stampabile
Tags: ambiente, rifiuti

Sacchetti di plastica: tempo scaduto



Finalmente, dopo un anno di proroga, il 1° gennaio 2011 anche l'Italia ha adottato un provvedimento che va contro la cultura dell'usa e getta e che contribuirà certamente a lasciare un ambiente un po' migliore ai nostri figli: è stata messa al bando la produzione di buste e sacchetti di plastica, lasciando però la possibilità a negozi e supermercati di smaltire le scorte in loro possesso (senza farle pagare ai clienti!). Purtroppo l'impressione è che molte persone facciano molta fatica a liberarsi da una sorta di dipendenza e ad adeguarsi alla novità.

Questa impressione pare suffragata dai dati, dall'osservazione che ognuno di noi può fare tutti i giorni in negozi, mercati e supermercati e dai molti servizi su giornali e telegiornali che sono apparsi negli ultimi mesi.
I dati ci dicono che il nostro paese ha il record negativo in Europa per l'uso dei sacchetti di plastica: ogni cittadino ne usa in media circa 300 all'anno, per un totale di circa 20 miliardi di pezzi su un consumo totale in Europa di circa 100 miliardi di pezzi.
In effetti ognuno alle casse di un qualsiasi supermercato può constatare che poche sono ancora le persone che arrivano munite delle loro borse riutilizzabili o che spesso dal panettiere per riporre anche solo un sacchettino di pane si chiede il sacchetto di plastica o, adesso, di materiale biodegradabile.

Infine i servizi su giornali e in televisione: negli ultimi mesi del 2010 ci hanno mostrato negozianti che avendo provato ad eliminare i sacchetti di plastica anche in anticipo sulla fatidica data del 1° gennaio 2011, sconsolati affermavano che i clienti continuavano a chiederli e ora ci mostrano clienti di supermercati quasi arrabbiati di dover scegliere tra sacchetti biodegradabili o di carta e di non poter più avere a disposizione i più resistenti sacchetti di plastica.

Eppure molti sondaggi ci dicono che una delle preoccupazioni più grosse delle persone negli ultimi anni è proprio quella sulla situazione ambientale del nostro pianeta. Come mai però quando si chiede un piccolo sforzo in prima persona, un piccolissimo mutamento nelle abitudini di tutti i giorni, tutto sembra diventare difficilissimo, quasi impossibile? Le persone riescono a percepire il legame tra le grandi preoccupazioni che tutti abbiamo sul futuro del pianeta e le piccole abitudini di tutti i giorni?

Basta davvero un po' di organizzazione e un piccolo cambiamento di mentalità: ecco quindi alcuni semplici suggerimenti pratici nei quali possiamo e dobbiamo coinvolgere anche i nostri bambini.

- Quando si esce per fare la spesa, insieme alla lista della spesa, ai soldi, alle carte fedeltà dei vari punti vendita, prendere l'abitudine di portare sempre anche le borse riutilizzabili in stoffa, iuta o altri materiali resistenti sicuramente preferibili anche ai sacchetti biodegradabili o di carta ora disponibili al posto di quelli di plastica

- Tenere sempre una borsa riutilizzabile con sé: ce ne sono ormai di tutti i tipi, anche molto capienti che una volta appallottolate, ripiegate, richiuse tengono pochissimo spazio e si possono portare anche nelle borsette meno capienti

- Lasciare qualche grossa borsa riutilizzabile nel bagagliaio della macchina in modo da averne sempre a disposizione anche quando si fa una spesa imprevista

- Se si è comunque sprovvisti di borsa riutilizzabile o di sacchetto portato da casa, evitare, per quanto possibile, di chiedere un sacchetto per riporre poche cose e rifiutarlo quando il negoziante vuole a tutti i costi fornircelo (a volte bisogna essere un po' decisi, ma con il tempo e la pratica ci si abitua e si ha la meglio anche con il negoziante più insistente)

- Anche in tempo di saldi uscire con qualche grosso sacchetto che sicuramente abbiamo in casa da precedenti acquisti di vestiario e rifiutare i sacchetti nuovi che tanto andrebbero ad intasare ulteriormente il nostro ripostiglio o arrivati a casa sarebbero buttati nel contenitore della carta.

- Anche i sacchettini fini delle verdure si possono riutilizzare se sono puliti, basta avere l'accortezza di attaccare la nuova etichetta con peso, prezzo e codice a barre sopra quella precedente

- Per alcune verdure o per alcuni frutti (melanzane, cavolfiori, banane, meloni) i sacchettini si possono proprio evitare attaccando l'etichetta direttamente sul prodotto

Aspettiamo anche i vostri suggerimenti!
Scrivete a redazione@officinagenitori.org

Per conoscere e approfondiore l'esperienza di altri paesi, visita il sito Eco dalle città

Foto di s2art

Data di pubblicazione: 19-02-2011

COMMENTI
Per inviare un commento devi autenticarti con la tua password di Officina!
Commenti pervenuti finora: