Username: Password: Auto: | Entra nel forum | Registrati
   Copyright | Privacy
Home page > Biblioteca
Cerca:

i bambini e la loro famiglia   L'apprendista genitore
  Psicologia ed educazione

  Cercando le parole
  Proposte di lettura

  Crescere giocando
  Occasioni di sviluppo ludico

  Stili di vita
  Opportunità ecosostenibili


misurare e calibrare   Mille e una realtà
  Frammenti di mondo

  Famiglie & Società
  Istruzioni per l'uso

  Incontri in officina
  Vite e storie

  Girovagando
  In giro per fare ed imparare



partecipa anche tu

 proponi un articolo,
 una segnalazione, o altro.
 scopri come scrivendo a
 
redazione@officinagenitori.org

 

Condividi versione stampabile
Tags: Torino, Musei tematici

Una giornata a Torino...meglio due!



La prima Capitale d'Italia, Fiatlandia, la città olimpica, la città degli Egizi e della Sindone, dei misteri e dei giardini, del cinema e del cioccolato, è anche e soprattutto una bella città che si lascia godere facilmente perché sufficientemente piccola e con tanti servizi per i turisti.
Il turismo familiare, in particolare, a Torino ha come motore spesso la curiosità verso il mondo, l'arte e la cultura dell'Antico Egitto, che in città sono grandiosamente illustrati da un magnifico museo celebre in tutto il mondo: sceglieremo quindi il Museo Egizio come fulcro per qualche consiglio su come orientarsi nella città sabauda, indicando alcune tra le tante mete interessanti che la città offre.

Arrivando in treno alla stazione di Porta Nuova, il Museo Egizio in Via Lagrange si raggiunge facilmente con una passeggiata lungo via Roma e Piazza San Carlo; siamo in pieno centro storico, il percorso è tutto sotto i portici; pochi lo sanno, ma Torino è la città con il maggiore sviluppo di portici in Europa: sono circa 11 km, costruiti a partire dal Settecento su ordine del Re per consentirgli le sue quotidiane passeggiate con qualsiasi condizione atmosferica.
Il Museo Egizio può essere visitato liberamente, ma consigliamo di consultare il sito web http://www.museoegizio.it per informazioni aggiornate sulle visite guidate e sulle attività per famiglie. Una visita media richiede almeno tre ore: si susseguono le ricostruzioni di templi e tombe, due grandi aree con statue e le sale espositive con numerose mummie (anche di animali) e artefatti. All'ingresso c'è un bel bookstore con molti libri e giocattoli didattici a tema storico.

Proprio di fronte al Museo Egizio si trova Palazzo Carignano, magnifico esempio di barocco piemontese, sede del primo Parlamento d'Italia e ora del Museo del Risorgimento aperto in occasione delle celebrazioni per l'anniversario dell'Italia Unita.

A poca distanza, Piazza Castello caratterizzata da due palazzi imponenti: Palazzo Reale sullo sfondo, e al centro Palazzo Madama, cuore della città in quanto fortezza romana poi trasformata nei secoli fino alla curiosa forma attuale di palazzo barocco (la facciata è di Juvarra) con torrioni medievali. Il palazzo è visitabile gratuitamente nella sua parte barocca (consigliamo di salire lo scalone juvarriano per avere un'idea della grandiosità del palazzo), mentre a pagamento si può accedere agli interni dove i grandi potranno ammirare opere dal medioevo al rinascimento e i ragazzi provare l'esperienza di un assedio medievale salendo sul torrione nord lungo lo scalone per i cavalli e ammirando la piazza dai merli.

Simbolo della città ed edificio straordinario, la Mole Antonelliana di Via Montebello ospita dal 2000 il Museo Nazionale del Cinema , esposizione esaustiva ed unica in Italia sulla storia e gli sviluppi della cinematografia mondiale, condotta in parte attraverso modalità museali tradizionali e in parte con una vera immersione in ambienti, costumi, suggestioni dei grandi film del Novecento.
Il grande spazio cavo della Mole è attraversato dall'incredibile ascensore trasparente che permette di visitare la guglia: un'esperienza di vertigine e slancio che non lascia indifferenti.

Se invece ai ragazzi interessa il concetto di galleria misteriosa e sotterranea luogo suggestivo è il Museo Pietro Micca, che al piano terra offre (con plastici e reperti) un inquadramento storico sull'assedio della città da parte dei Francesi nel 1706, mentre nel sotterraneo permette di esplorare parte dei bastioni difensivi, proprio quelli che Pietro Micca fece saltare per difendere la città. Molto è rimasto come allora, alcuni tratti di galleria sono crollati e qualcuno sostiene di averci visto un fantasma.
Il museo si trova nelle vicinanze di Porta Susa, le gallerie sono esplorabili solo con visita guidata, inclusa nel biglietto di ingresso.

In occasione delle feste per i centocinquant'anni dell'Italia è prevista la riapertura del Museo dell'Automobile, ricca esposizione di modelli. Proprio di fronte al Museo dell'Auto si estende il Parco del Valentino, il più grande giardino pubblico della città: nella bella stagione è il luogo ideale per rilassarsi nei prati ben tenuti, noleggiando una bicicletta o un pedalò, o semplicemente passeggiando lungo il Po e soffermandosi al Borgo Medievale, ricostruzione tardo ottocentesca di alcune delle più belle architetture medievali di Piemonte e Valle d'Aosta.

Agnese Piana per Officina Genitori


Foto di:Fernando Stankuns


Data di pubblicazione: 20-03-2011

COMMENTI
Per inviare un commento devi autenticarti con la tua password di Officina!
Commenti pervenuti finora:

- 21-03-2011 16:47:55 - agnez:
Pare che il Nuovo Museo dell'Automobile sia proprio una bomba! http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/costume/articolo/lstp/394257/